Milano Fashion Week ss 2020

La Fashion week è un appuntamento imperdibile nel calendario di chiunque faccia della moda uno dei focus della sua vita. Anche per me, che dalla moda sono attratta, con la moda ci lavoro, nella moda ho trovato il mio posto. Ma la potenza di questo evento è che riesce a essere diverso ogni anno, ma insieme ricco di iniziative, sfilate, eventi da far girare la testa.


Milano diventa un turbinio di glam, glitter, fashion e linee classiche cui è impossibile resistere! Per me l’ultima fashion week è stata davvero un insieme di emozioni che solo a distanza di giorni riesco a connettere tra loro. E la sensazione che ha lasciato è qualcosa di veramente potente. Per sette giorni la città si trasforma, ogni angolo parla di tendenze, in ogni strada puoi confrontarti con chi la moda la fa, la indossa e la reinventa.

Quella di quest’anno è stata una continua rivelazione e sono passata da una sfilata all’altra sentendomi crescere dentro, ogni volta un po’ di più, un senso di meraviglia e ammirazione per tutti gli stilisti, sia quelli più affermati, sia quelli emergenti. Non deve essere facile riuscire ogni anno a rinnovarsi, a creare qualcosa di unico e nuovo. Provo un senso di profonda ammirazione e voglio raccontarvi perché!

Ecco le sfilate a cui ho partecipato:

1. BARTOLOTTA E MARTORANA 

Dietro a questa etichetta ci sono due stilisti siciliani che si stanno affermando come il simbolo del giovane Made in Italy. La loro forza è quella di riuscire a creare abiti romantici, ma allo stesso tempo moderni. Per loro ho realizzato degli scatti con un abito che mi ha fatto sentire una principessa per un giorno, con un abito turchese in tulle lungo. Non sto nemmeno a spiegarvi quanto sia stato bello poter passeggiare per Milano indossando questo vestito che mi ha dato davvero la sensazione di tornare indietro al tempo delle favole.

È la seconda volta che partecipo a una loro sfilata e ancora una volta ciò che mi ha stupito sono stati i tessuti utilizzati, i colori decisi, le superfici cangianti, l’utilizzo delicato delle paillettes, l’inserimento mai banale di frange, velluto lacerato, organza stampata che si ispira alle piccole luci sfuocate di una giostra in movimento 

Il Principe di Savoia si è confermato la cornice perfetta per questo evento, capace di rendere ancora più fiabesca la mia esperienza con loro.

2. CRISTIANO BURANI 

Il tema della sfilata scelto da Burani era un hashstag: #discoclochard.

Lo stilista ha voluto ricreare questo luogo per mostrare femminilità più forte tramite i vestiti in raso, top con glitter, pantaloni ricamati, blazer con spalla oversize e gonne asimmetriche. Una vera e propria atmosfera da disco che mi ha colpito e divertita insieme.

Il Museo della Permanente si è trasformato così in una sala da ballo capace di coinvolgere con le sue luci e la musica che non ha smesso un secondo di suonare. Energia e creatività per tutti, insomma!

3. BALDININI

#Baldini110edition

L’elegantissimo spazio Gessi invece ha fatto da scrigno per una perla davvero preziosa, ovvero la collezione di Baldinini con la sua 110 edition. Durante la sfilata si sono alternati diversi stili per un mix ben calibrato tra passato e futuro uniti in un’unica collezione. Protagonisti della sfilata sono stati stivali, tronchetti, decolleté, tutti fatti con pellami pregiati. La collezione si è presentata molto curata nei dettagli, basta vedere come sono stati usati in modo delicato i monogrammi presenti sulle borse e su alcuni tacchi.

4. CIVIDINI

La mia quarta sfilata è stata quella di Cividini. È la seconda volta nella mia vita che ho l’occasione di parteciparvi e ogni volta resto stupita dal design raffinato di questo brand. Lo trovo molto sofisticato e questo soprattutto per la scelta di materiali pregiati e di altissima qualità che poi è ciò che sta alla base della filosofia di Cividini. E quale miglior location se non quella del Palazzo Reale per questa sfilata?

Insomma, tanti ricordi, tanti scatti e la voglia di tornare ancora a respirare quell’atmosfera di bellezza.

Comments

  1. froleprotrem says:

    I like this web site so much, saved to fav.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *